Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: E' Rinata La "Nazionale Padana" Di Calcio......

E' Rinata La "Nazionale Padana" Di Calcio...... 06/05/2008 13:11 #28363

L'ho scoperto solo oggi che da quasi 6 mesi è rinata la nazionale Padana, di cui fa parte anche Maurizio Ganz, e parteciperà a Luglio alla seconda coppa del mondo per le Nazionali non ancora riconosciute dalla FIFA (o perchè non sono stati sovrani, o perchè lo stanno per diventare o perche la loro superficie abbraccia più stati confinanti ecc. ecc.)......Vedi link sotto
Speriamo quindi che la nazionale verde si lauri campione come l'italiana.....
Ma canteranno l'inno "Va pensiero"????

Una domanda mi sorge però spontanea: perchè è affiliata alla FIFA la nazionale delle "Faer Oer" , facente parte del territorio Danese, e non lo è la Groenlandia, molto più estesa ma anch'essa danese) e non lo può essere a questo punto pure il principato di Monaco (tra l'altro riconosciuto ufficialmente), Gibilterra, (in procinto di esserlo),o nazionali comprendenti territori più estesi quali la Cecenia, la Lapponia, la stessa Padania, l'Occitania, ecc ecc


it.wikipedia.org/wiki/Selezione_di_calcio_della_Padania

www.fedefutbol.net/fed.aspx?id=PAD
I have a dream]PSG (The President of Sajot Group)
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

E' Rinata La "Nazionale Padana" Di Calcio...... 08/05/2008 11:41 #28397

E giusto per allenarsi un pochettino, in preparazione alla rassegna mondiale, ha battuto ieri all'arena di Milano, poco distante dalla Chinatown milanese di via Paolo Sarpi, una selezione del Tibet per 14-2........
I have a dream]PSG (The President of Sajot Group)
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

E' Rinata La "Nazionale Padana" Di Calcio...... 09/05/2008 11:06 #28418

Giusto 3 giorni fa scrivevo nel presente topic]

Sajot 23 Nerazzurro ha scritto:
Una domanda mi sorge però spontanea: perchè è affiliata alla FIFA la nazionale delle "Faer Oer" , facente farte del territorio Danese, e non lo è la Groenlandia, molto più estesa ma anch'essa danese)

e oggi cosa scopro? Che la Groenlandia ha deciso di sancire la secessione dalla Danimarca con il referendum entro la fine del 2008......se questo non è vaticinio.....

il Corriere della sera ha scritto:

Ieri la firma del trattato bilaterale, entro la fine dell'anno referendum e voto
La capitale del nuovo Stato sarà Nuuk, 15mila abitanti e due ristoranti
La lunga marcia della Groenlandia per la secessione dalla Danimarca
dal nostro corrispondente ANDREA TARQUINI

La lunga marcia della Groenlandia<br>per la secessione dalla Danimarca

BERLINO - Sta per nascere una nuova nazione, e di fatto sarà il primo Stato eschimese. E una lingua eschimese diventerà ufficiale, lassù tra i ghiacci eterni del grande nord. La Groenlandia, la più grande isola del mondo, ha cominciato ieri a scogliere gli ultimi legami con la madrepatria Danimarca, l'ex potenza coloniale. Lentamente, ma nascerà uno Stato vasto come sei Germanie e abitato da appena 57mila persone. Sarà nazione sovrana grazie alle ingenti risorse di petrolio, metalli preziosi e altre materie prime, ma dovrà appoggiarsi a Copenaghen e al resto della Vecchia Europa per formare la sua classe dirigente.

E per la prima volta dal dopo-colonialismo uno Stato europeo perderà il 98 per cento del suo territorio.
La svolta è cominciata ieri, con la firma di un trattato tra il premier conservatore danese, Anders Fogh Rasmussen, e il governatore-premier di Groenlandia, il socialdemocratico Hans Enoksen. Entro fine anno un referendum in Groenlandia e un voto del Parlamento reale danese daranno il responso già ora scontato: si andrà step by step verso l'indipendenza e il diritto alla secessione.

I sogni volano alto, anche quando è difficile. Anche quando la capitale del futuro Stato eschimese indipendente, Nuuk, ha sì e no 15mila abitanti, come un grosso villaggio europeo, e appena due ristoranti di lusso, entrambi dipendenti ogni giorno dalle forniture di cibo fresco che arrivano da Copenaghen. Da qualche anno anche il grande mondo globale si è accorto che la Groenlandia esiste. Per caso, grazie a un film, Il senso di Smilla per la neve, storia di una giovane in cerca di identità. Sulle orme di Smilla, i groenlandesi sono decisi a non mollare, vogliono procedere sulla via indicata dal Trattato: addio a Copenaghen, addio dolce ma senza ritorno.

Siamo appena agli inizi. La Danimarca versa ancora a Nuuk 3 miliardi di corone l'anno, cioè oltre 400 milioni di euro, che fanno 7000 euro per ogni abitante dell'immensa isola dei ghiacci eterni. E così la tiene in vita. Gli Airbus cargo della parte danese della Sas, la compagnia aerea scandinava, atterrano ogni giorno in Groenlandia: portano tutto, dalla frutta, alla birra, alle medicine. Gli F16 della Royal Danish Air Force pattugliano ancora i cieli del futuro Stato eschimese, spesso in incontri ravvicinati con i bombardieri atomici Tupolev che Putin ha rimesso in volo di pattuglia armata permanente. Ma da ieri, il divorzio lento è avviato, irreversibile. Ai danesi resterà solo, temporaneamente, la politica estera, come fece Dublino quando si sganciò da Londra.

Petrolio in abbondanza, e altre materie prime, saranno la base della sovranità, promette Enoksen. "Dobbiamo difendere il diritto di proprietà dei groenlandesi sulle loro risorse", dice il leader socialdemocratico. Ma non è solo questione di soldi, anche di cultura nazionale riscoperta. Spesso troppo diversa da quella europea rappresentata dai danesi. "La caccia, alle foche, ai trichechi, alle balene per noi è parte del quotidiano, mangiare carne di balena o prosciutto di foca è tradizione", spiega all'inviato della Sueddeutsche Zeitung Job Hellmann, cacciatore di professione, nome danese ma lingua eschimese. "Abbiamo inventato noi l'igloo, il kayak, l'eskimo, e ci sentiamo trattati dall'Unione europea e da Copenaghen come barbari. E cosa sono allora gli europei che vengono nelle nostre acque con le loro flotte di pescherecci atlantici e ci tolgono il pane?", chiede polemicamente Kupik Kleist, parlamentare, presidente del Partito per
l'indipendenza, affine alla sinistra radicale.

"Tutto quello che arriva in aereo da Copenaghen qui costa molto più che in Danimarca", mugugna Jeppe-Eiving Nielsen, capocuoco del miglior ristorante di Nuuk, "mentre il pesce di qui è così fresco che i filetti ancora tremano quando li tagli".

La via verso l'indipendenza sarà dura: troppi poveri, troppo pochi i giovani qualificati per una futura classe dirigente. Ma già fanno capolino nuovi gruppi emergenti. Come Bjarke de Renouard, manager: è danese, ha sposato una groenlandese, della lingua locale non capisce una parola "ma - dice - i miei figli la parlano correntemente, sarà la loro identità domani".

(7 maggio 2008)
I have a dream]PSG (The President of Sajot Group)
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

E' Rinata La "Nazionale Padana" Di Calcio...... 09/05/2008 13:45 #28421

  • Rok
  • Avatar di Rok
  • OFFLINE
  • Platinum Boarder
  • Daniele Rocca
  • Messaggi: 897
Mamma mia, che suicidio...
I processi storici sono creati e interrotti di continuo dall'iniziativa dell'uomo,in quanto agisce. Di conseguenza,non è per nulla superstizioso,anzi è realistico,aspettarsi dei "miracoli" in campo politico.--H.Arendt
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Tempo creazione pagina: 0.325 secondi

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy