Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: La Gestione Delle Risorse Termali

La Gestione Delle Risorse Termali 18/05/2011 21:51 #31266

  • massitrab
  • Avatar di massitrab
  • OFFLINE
  • Expert Boarder
  • Massimiliano Trabucchi
  • Messaggi: 97
da Massimiliano Trabucchi Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
data 18 maggio 2011 21:48
oggetto Osservazione PGT
proveniente da gmail.com
nascondi dettagli 21:48 (1 minuto fa)
Proposta relativa ad un migliore sfruttamento delle risorse temali.



- Premessa storica.



Lo sfruttamento delle acque termali nell’ex contea di Bormio, ora comune di Valdidentro ha una storia millenaria. Al fine di comprendere esattamente il senso della proposta in oggetto, è necessario ripercorrere gli ultimi due secoli di questa lunga storia evidenziando i passaggi di proprietà ed i diritti di sfruttamento relativi alle varie fonti di acqua termale.

La contea di Bormio venne smembrata nei diversi comuni a seguito di un decreto del governo austriaco del 19 marzo 1821. I neo comuni erano quelli di Bormio, Valdidentro, Valdisotto, Valfurva e Livigno. Alcuni beni non vennero comunque divisi e rimasero di proprietà dei cinque comuni che attraverso un ente consorziale denominato: “Amministrazione dei comuni sociali” ne curarono l’amministrazione. Tra questi beni indivisi figuravano anche i Bagni di Bormio ed il relativo territorio. Negli anni a seguire i comuni sociali si avventurarono nella costruzione di un nuovo stabilimento per lo sfruttamento delle acque termali, l’impresa si rivelò totalmente fallimentare e portò alla necessità di svendere la strutture ed i relativi diritti di usufrutto delle acque. Nel 1857 Livigno uscì dall’ente consorziale ed ebbe in cambio gli alpeggi di Fedaria e del Gallo, allora proprietà dei comuni sociali.

Dopo svariati tentativi di vendita, la proprietà venne finalmente rilevata nel 1859 dalla società Bagni alle Prese di Poschiavo, la superficie complessiva venduta era di 179.000mq. E’ necessario ricordare che nel relativo atto del notaio Bonomo Carbonera di Tirano datato 1862, i comuni sociali si riservarono comunque il diritto del bagno gratuito ai poveri residenti nei comuni interessati (Atto 13 ottobre 1862 art. 21/23 del Capitolato di vendita).

Nel 1894 la proprietà dei bagni chiese una concessione di derivazione d’acqua dal fiume Adda a scopo idroelettrico al fine di produrre la necessaria corrente elettrica al ormai completamente rinnovato Grand Hotel. I comuni sociali accordarono questa concessione, rinunciarono anche al diritto del bagno per i poveri ed ebbero in cambio il diritto d’uso perpetuo ed esclusivo, delle sorgenti di acqua calda denominate: Cinglaccia, Ostrogoti e Nibelunghi. E’ importante sottolineare che la proprietà accordò pure la facoltà di occupare lo spazio necessario per le opere di presa e di incanalamento. Passarono degli anni e nel 1913 i Comuni Sociali accordarono all’Ing Alfredo Cola di Bormio il diritto di usufrutto, per 99 anni e a titolo gratuito, della sorgente Cinglaccia. L’Ing Cola trasferì poi questo diritto all’attuale società terme che, nel corso del prossimo anno, sarà impegnata nel chiederne il rinnovo.



- La situazione attuale



Attualmente, a Valdidentro, esistono due stabilimenti termali, i Bagni Vecchi ed i Bagni Nuovi. Questi stabilimenti sono indirizzati ad una clientela medio-alta che generalmente predilige gli alberghi di Bormio, di categoria maggiore, a quelli della Valdidentro. Nel corso degli anni però, i cittadini di Valdidentro hanno cominciato a sfruttare la cosidetta “pozza”, situata alle bocche d’Adda in prossimita del corso del fiume. Questo bagno, gratuito, stà prendendo piede sempre di più, e a dimostrazione di questo ci sono già alcuni operatori che organizzano delle uscite per andare a visitare questa località.

- La proposta



I quattro comuni sociali hanno tutto l’interesse affinchè le terme di Bormio continuino il loro lavoro, credo quindi che non vi saranno particolari problemi nel rinnovo delle concessioni, fermo restando la necessaria garanzia affinchè ai cittadini dei comuni sopracitati vengano sempre confermate delle tariffe agevolate in virtù dei diritti a cui, a suo tempo, rinunciarono per ottenere in uso le acque della sorgente Cinglaccia. Detto questo, il momento sarebbe opportuno (Va ricordato infatti che a breve sarà necessario il rifacimento della conduttura che porta le acque della Cinglaccia a Bormio e quindi la zona sarà interessata a lavori) per chiedere agli altri comuni sociali, l’utilizzo delle altre due sorgenti, che ora non sono utilizzate. Queste sorgenti, se pur con portata estremamente inferiore rispetto alla Cinglaccia, potrebbero essere sufficienti a rifornire una “pozza” di dimensioni maggiori e magari collocata in una zona più accessabile (Ad esempio presso le ferriere). Uno sfruttamento migliore di queste acque, che ora vengono gettate a fiume, e rivolto ad una clientela diversa rispetto ai Bagni Nuovi e Vecchi e alle terme di Bormio, potrebbe rappresentare una risorsa per tutta l’alta valle. Si è parlato spesso di utilizzare presso le ferriere parte dell’acua termale dei comuni sociali, o quantomeno spesso se ne è parlato nel corso delle campagne elettorali degli anni passati. L’occasione giusta per ottenere qualcosa, potrebbe proprio essere la scadenza del prossimo anno.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

La Gestione Delle Risorse Termali 18/05/2011 22:06 #31267

  • peneglia82
  • Avatar di peneglia82
  • OFFLINE
  • Platinum Boarder
  • Cristian Dei Cas
  • Messaggi: 737
Apro e chiudo una parentesi... MASSI SINDACO!!!

Che analisi!!!
COMPLIMENTI!!!
Sempre informato e pronto a lanciare ottimi consigli e proposte!
Speriamo che i rinnovi delle concessioni vengano fatti con una nuova amministrazione, perchè se aspettiamo questi...

LA POZZA AI FORNI!!!!!
COsì si darebbe un senso a PREMADIO (paese ormai defunto da anni!!!)

=D> =D> =D> =D> =D> =D> =D>
...possono toglierci anche la vita,
ma non ci toglieranno mai la LIBERTA\'
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

La Gestione Delle Risorse Termali 18/05/2011 22:18 #31268

  • massitrab
  • Avatar di massitrab
  • OFFLINE
  • Expert Boarder
  • Massimiliano Trabucchi
  • Messaggi: 97
Apro e chiudo una parentesi... MASSI SINDACO!!
=D> =D> =D> =D> =D> =D> =D>

Direi proprio di no!!!! :risate: :risate: :risate: :risate: :risate: :risate:

Eventualmente Massi aspirante bagnante!!! :snow: :snow: :snow:
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

La Gestione Delle Risorse Termali 19/05/2011 21:32 #31272

  • Miccia
  • Avatar di Miccia
  • OFFLINE
  • Platinum Boarder
  • Matteo Dessì
  • Messaggi: 476
Analisi del problema, valutazione dello stato di fatto, individuazione della strategia per il futuro... musica per le mie orecchie!!
Grande Massi!!

=D> =D> =D> =D> =D> =D> =D> =D> =D>
Gli dei hanno dato agli uomini due orecchie e una bocca per ascoltare il doppio e parlare la metà (Talete)
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Moderatori: Rok
Tempo creazione pagina: 0.396 secondi

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy